Economia

Il governo delle Isole Canarie lancia una riduzione delle imposte

 

Autonomo e professionista che fattura meno di 30.000 euro all’anno non pagherà l’IGI

“La riduzione delle tasse incluse nei bilanci delle Canarie per il 2018, e che è già in vigore, raggiungerà il 93% dei contribuenti e permetterà, infine, che i dati macroeconomici che certificano l’uscita dalla crisi si traducano in una maggiore capacità di risparmio per le famiglie delle isole “. Il ministro delle Finanze, Rosa Dávila, ha fatto questa dichiarazione nel corso di una conferenza stampa in cui ha dettagliato le misure di detrazione fiscale e riduzione messe in atto dal governo delle Isole Canarie.

Insieme all’obiettivo di permettere alla ripresa economica di raggiungere tutte le famiglie nell’arcipelago, sarà anche facilitata una ridistribuzione della ricchezza migliore. “Questo è il motivo per cui saranno praticati all’IRPF e all’IGIC, in modo che le famiglie con reddito medio siano raggiunte”, ha detto.

Rosa Davila, che era accompagnato dal Vice Ministro delle Finanze, Javier Armas, e dal direttore della Agenzia delle Entrate, ha precisato che le deduzioni sulla sezione regionale dei canarini beneficio di imposta sul reddito e canarino che hanno un reddito inferiore a 39.000 euro se la dichiarazione è individuale o inferiore a 52.000 se è fatta congiuntamente.

Questo pacchetto di misure comprende anche la riduzione di IGIC e sono particolarmente rilevanti per il sé, PMI piccoli, professionisti, genitori single, le donne, le famiglie hanno fra i loro membri una persona disabile, ecc “, perché si tratta di un riduzione delle tasse progettata per tutti i canarini, che porteranno 124 milioni di euro in tasca “.

Da parte sua, il viceministro delle finanze, Javier Armas, ha spiegato che questa riduzione fiscale è la conseguenza del ripetuto rispetto della legge di stabilità, che ha permesso alle Isole Canarie di essere finanziate in modo più economico rispetto ad altre comunità e che Il risparmio va direttamente ai budget dell’Arcipelago.

Javier Armas ha insistito sul fatto che gli sgravi fiscali consentirà il miglioramento della situazione economica raggiunge le famiglie. Ha spiegato che il governo può affrontare l’azione in questo momento, grazie ai buoni dati macroeconomici. Tra di loro ha ricordato che nel dicembre 2017 il numero dei disoccupati è stata del 5,7% in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Anche la disoccupazione giovanile è stata dimezzata negli ultimi otto anni; Si è concluso 2017 con più di 100.000 contratti a tempo indeterminato, la figura migliore degli ultimi dodici anni; il numero delle aziende è aumentato di più di 10.000 persone in cinque anni e tutto questo va aggiunto che per la prima volta nella nostra storia hanno superato i 16 milioni di turisti.

Consigli per il contribuente

Rosa Dávila ha spiegato che il governo delle isole Canarie consentirà diversi canali di informazione e consulenza per facilitare i contribuenti che possono beneficiare di queste azioni.

In primo luogo è istituito un servizio di consulenza telefonica attraverso 012 durante i mesi di Renta 2017 campagna, che inizia il 4 aprile. “Chiunque voglia risolverà ogni dubbio sul fatto che una spesa è deducibile o no, come deve conservare le fatture o qualsiasi altra questione, puoi contattare la telefonata delle isole Canarie, dove si vedrà la presenza di un consulente fiscale “

Inoltre, ci sarà un giro di contatti con i consulenti fiscali delle Isole Canarie, le camere di commercio e le confederazioni di uomini d’affari in modo che abbiano tutte le informazioni necessarie per aiutare i contribuenti Canari che vengono da loro a presentare la dichiarazione dei redditi.

Il supporto sarà fornito anche dalla rete di uffici dell’Agenzia delle entrate delle Canarie, distribuita nelle sette isole.

Infine, è stato attivato il sito web www.gobiernodecanarias.org/hacienda/rebajafiscal, in cui sono disponibili tutte le informazioni relative a ciascuna delle misure.

Detrazioni sull’IRPF

Tra tutte le misure che saranno portate avanti nella sezione regionale dell’IRPF, il consulente ha evidenziato l’importanza di un’azione specifica dovuta al progressivo invecchiamento della popolazione. Si rivolge a famiglie con familiari a carico, che possono beneficiare di una detrazione di 500 euro. “In questa misura, ha chiarito, coloro che hanno i loro dipendenti in un centro specializzato non sono esclusi.” 41.700 famiglie delle Isole potranno beneficiarne.

Un’ulteriore detrazione è pari al 10% della spesa per adeguare l’alloggio alla disabilità per un importo massimo di 12.800 euro, mentre un altro 10% può essere detratto per la realizzazione di opere che contribuiscono all’efficienza energetica del alloggi per ridurre la domanda di energia, installare fonti di energia rinnovabile, ridurre il volume di acqua grigia, ecc. In questo caso, la detrazione può raggiungere 700 euro.

Rosa Dávila ha detto che il governo delle Isole Canarie ha voluto anche riconoscere gli sforzi delle famiglie monoparentali, con i bambini sotto la loro cura, che sono per lo più donne. È una detrazione di 100 euro. In questo caso, la persona che fa la dichiarazione può vivere con i suoi discendenti e con gli ascendenti, purché non abbiano redditi superiori a 8.000 euro. In questo caso, se il bambino ha qualche tipo di disabilità, non è richiesta la convivenza con il bambino perché puoi essere in un centro specializzato. “Chiediamo dipendenza, non convivenza”, ha chiarito il direttore dell’Agenzia delle entrate delle Canarie, Maria Jesús Varona. Con questa misura, beneficeranno di un totale di 6.600 famiglie

Il prossimo provvedimento, rivolto anche alle famiglie, andrà a beneficio di 21.750 contribuenti con minori di tre anni. Il 15% può essere detratto fino a 400 euro all’anno per ogni bambino

La deduzione comprende anche scolarizzazione attraverso la scuola, che comprende il costo di libri, forniture, mezzi di trasporto, uniformi, pasti scolastici e di rinforzo educativo. Raggiungerà 348.870 studenti ed è una detrazione fino a 100 euro

Comprende anche la detrazione del 10% delle spese sanitarie, comprese le spese dei medici o degli operatori sanitari relativi alla diagnosi e al trattamento, escluse le spese farmaceutiche. In questo caso sono inclusi i costi di salute dentale, occhiali, lenti a contatto, gravidanza e parto, incidenti e disabilità, sia dalla persona che effettua la dichiarazione sia da qualsiasi membro del nucleo familiare.

Un’altra misura è la detrazione di 250 euro per il collocamento di bambini, che raggiungerà circa 2.500 famiglie nelle isole Canarie. Sarà applicato per ciascun minore e se la convivenza con il minore è inferiore a un anno, la detrazione sarà ripartita proporzionalmente.

Il governo delle isole Canarie vuole anche premiare la solidarietà di oltre 88.000 canarie che contribuiscono con i loro sforzi al lavoro delle ONG con scopi sociali ed ecologici. Quindi, la detrazione di stato che già esiste raddoppia. Le donazioni sono state incluse anche per scopi culturali e di ricerca.

Sconto IGIC

“Una delle misure che ha destato più interesse è quella applicata alle persone fisiche, in particolare autonome e professionali, che fatturano meno di 30.000 euro all’anno e che non devono pagare IGIC”, ha detto Rosa Dávila

Sia il ministro e il direttore della Agenzia delle Entrate Canaria ha spiegato che i soggetti interessati dovranno registrarsi prima del 2 aprile nel nuovo regime speciale per le piccole imprese o professionale autorizzato a praticare questo sconto. Hanno ricordato che in precedenza devono essere registrati nel censimento di uomini d’affari o professionisti prima della data stabilita per comunicare la loro registrazione nel regime speciale. Circa 64.000 persone beneficeranno di questa misura.

La riduzione dal 7 al 3% per l’acquisto della prima casa da parte dei giovani sotto i 35 anni; sulla ricezione di telefonia, rete fissa, mobile e internet; su opere di riforma e miglioramento della residenza abituale; o dal 3 allo 0% per i prodotti per l’igiene femminile o per l’acquisto e la riparazione di sedie a rotelle, completare il pacchetto di misure approvato dal governo delle Isole Canarie.

 Fonte: http://www.gobiernodecanarias.org/ 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *